La situazione economica in Italia

                                       Fermiamo il declino

.

.

.

Appunti sull’andamento dell’economia in Italia.

Dati e riflessioni generali.
Per migliorarne la leggibilità lo divido per anni e vedo di aggiornarlo almeno una volta al mese, inserendo i dati ed i commenti che ritengo più interessanti

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Dati statistici periodici più o meno ufficiali

34.507 4,97%
-6.878 -8,50%
27.629 3,57%
-13.360 -2,92%
-808 -0,38%
3.831 6,41%
-10.337 -1,41%
-44.844 -118,28%
-38.866 92,36%

56 risposte a La situazione economica in Italia

  1. vincenza ha detto:

    ma non si potrebbe avere un articolo sulla situazione economica attuale dell’Italia che includa tutto?rapporto debito pubblico-pil,deficit pil,apparezzamento o deprezzamento dell’euro,gli effetti negativi della crisi…grazie..

  2. francesca ha detto:

    sono d’accordo con te..sarebbe carino..poter leggere un articolo cosi

  3. mariettiell ha detto:

    vorreste avere le idee chiare, ma questo non è permesso!

  4. Angela Govanetti ha detto:

    Sono sicurissima che la situazione ecomica Italiana sia equiparabbile a quella mondiale ho per essere più esplicita a quella del terzo mondo.
    La soluzione deve essere ricercata mediante la vera giustizia sociale,cioè l’aggiustamento dell’economia mondiale.

  5. pasquale ha detto:

    Purtoppo le classi politiche non hanno idee di sviluppo..posso farvi un esempio concreto..io vivo alle canarie ed e’ un disastro…la disoccupazione e’ pari al 38%
    e il capo del governo canario si e’ limitato a dire che per incentivare lo sviluppo economico bisogna esportare piu banane all’estero..sembra una sciocchezza ma e’ la verita..l’italia e’ un paese di ladroni e d’indifferenti…credo che tutto questo possa peggiorare ed arrivare ad una crisi senza eguali..bisogna aver il coraggio di mandar a casa tutti questi politici e ridar ossigeno con i giovani imprenditori con intelligenza e spirito d’innovazione..finche’ avremo personaggi come andreotti,la montalcini e politici vecchi non andremo piu da nessuna parte.ciaoforza grillo

  6. Alex ha detto:

    La situazione dell’ Italia e` veramente drammatica sembra che si sia fermata nel tempo da 20 anni…dovrebbe nascere un movimeto pacifico come quello del 15 M (o piu grande) qui in Spagna ..e basta rubare.

  7. mauro ha detto:

    L’italia e’ un paese di ladroni e furbi. Gli extracomunitari entrano in Italia con la scusa dell’asilo politico e ricevono una paga giornaliera dallo statoed addirittura in permesso di soggiorno in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato politico. I nomadi anch’essi occupano spazi pubblici, il comune gli attrezza le aree, gli paga luce, acqua e non so se anche gas, ed essendo dichiaratio anche meno abbienti ricevono anche una paga giornaliera, poi questi si vedono sfrecciare per le vie del paese a bordo di auto di grossa cilindrata ed altro. I politici che dopo qualche giorno di permanenza al Govenrop hanno diritto ad una pensione, mentre noi dovremmo aspettare i 65 anni e forse anche più, con 50 anni di contributi versati. Se chiedo una visita all’Ospedale, io aspetto solo dagli 8 ai dodici mesi e pago anche il ticket, mentre extracomunitari con una sola dichiararazione, con la quale attestano di non avere reddito non pagano nulla e magari per la visita aspettano meno od additittura vanno in pronto soccorso, dove vengono immediatamente visitati e con la fatidica dichiarazione non pagano nulla. Ci sarebbe da scrivere un libro per quanto detto e quant’altro ci sia da dire. valutate voi….

  8. leo ha detto:

    ogni popolo ha il governo che si merita!!!!!!!

  9. max ha detto:

    Gentile Mauro,
    sei molto “ben informato” sugli extracomunitari …magari sei anche cattolico cristiano di quella specie che va in chiesa soltanto per sposarsi. E’ bravo a Maurino!

  10. andrea ha detto:

    In questo contesto che chiaramente mette in evidenza responsabilita’ben precise come si deve comportare un onesto cittadino italiano……..

  11. Alessandro ha detto:

    La specie umana è un’animale così Bizzarro che non riesco mai a comprendere …

  12. piergiulio ha detto:

    ognuno e’ figlio del proprio passato…….,il presente ricorda molto l’ultimo periodo dell’impero romano,con i ricchi che spendevano le loro giornate con donnine da 4 soldi e ormai sazi di successi non si dedicavano piu’ al popolo…….il miracolo italiano e’ svanito da tempo ,rendiamocene conto, e’ un declino in senso lato,non dipende ne da Berlusconi ne da chi non paga le tasse. il problema e’ L’ITALIANO inteso come razza,che non e’ mai stato nella storia(e mai lo sara’) un individuo serio su cui fare affidamento.

  13. aldo ha detto:

    questo monitoraggio da fmi significa che italia e in fallimento,e si cerca di nascondere questo,dietro frasi vuote,si cerca di salvare le aparenze a tutti i costi.state certi di una sola cosa.ITALIA E FALLITA,con le consequenze disastrose per gli italiani.che dio abbia pieta di noi.

  14. vittorio ha detto:

    Tranquilli adesso arriva Bersani e rimpiangerete Berlusconi!!!!!!!!!!!!!!I In questo momento la peggior cosa e’ quella di avere dei comunisti incapaci al governo!
    Resisti Silvio via tu ci sara il nulla.

  15. Sandro ha detto:

    Italiani non dimentichiamoci che Berlusconi via dalla politica rimane un signore mentre i sinistrorsi sono dei disoccupati senza reddito!!!!!!!!!!!!!!
    Parlare di un possibile governo di sinistra e’ demenziale e mi vergogno di essere italiano a questo punto.Prepariamoci alla catastrofe solo il Pd ci puo condurre definitivamente nel buio piu nero.

  16. gianni verdi ha detto:

    sono errori politici di cattiva gestione delle risorse che si trascinano da anni. L’italiano e’ sempre stato un popolo laborioso ….. Ma accanto alla laboriosita’ si mescola il mal governo, i furbi, i ladri e gli opportunisti politici ,le varie mafie che fatturano all’anno circa il nostrio deficit . Allora cosa ci vorrebbe? Un taglio netto ,la confisca , il carcere ed il confino su un’isola circondata da pescecani . Fare in modo che tutta questa gente si cibasse solo se in grado di lavorare per procacciarsi il sostentamento. Ma cio’ lo puo’ fare un governo chje vive di compromessi per racimolare i voti per assicurarsi una poltrona.? Non vuole essere un discorso ne di destra ,ne’ di sionistra estremiste ,ma un discorso di giustizia e di civilta’ . Ci vorrebbero anche dei giovani un poco piou’ propositivi e meno viziati dal consumismo che ci sta’ dilaniando . Forse, anche, dei genitori meno permissivi e tolleranti. Ma questo e’ un altro discorso!….Gianni

  17. marina ha detto:

    Peggio di così cosa c’è? Aspettiamo che siano gli altri a tirarci fuori dai guai. Noi italiani, figli del benessere, del consumismo e del benpensare, abbiamo creduto che non ci potesse essere il peggio al peggio. Oggi ci troviamo con le braghe calate e piangiamo. Cosa abbiamo fatto in questi anni se non condividere governi dopo governi, dove il clientelismo era la parola d’ordine. Non abbiamo pensato di votare per una classe politica che facesse gli interessi del nostro Paese, ma abbiamo taciuto negli anni in cui tutto era permesso perchè il politico del momento ci tutelava. Oggi non abbiamo tanto il diritto di lamentarci, siamo stati noi la nostra ronvina. Spetta a noi dare un calcio a chi pensa di manovrarci ancora. Facciamolo per i nostri figli e rialziamoci da questa situazione schifosa. I politici di destra, di sinistra e tecnici, pensate che possano mai guardare a chi è più in basso? Pensare a dare nuove tasse a spremerci quanto più possibile per continuare a mantenere loro sempre lo stesso tenore di vita. Perchè pagare solo noi? Perchè non iniziamo a dare meno privilegi a chi seduto al parlamento che non pensa certo a noi come arriviamo a fine mese. Non ci illudiamo, la classe politica, chiunque essa sia, non si priverà mai di nulla, la crisi è solo del cittadino purtroppo.

  18. Giordano ha detto:

    A tutto questo vorrei aggiungere che la discesa economica dell’italia è dovuta anche a clientelismo e raccomandazioni.
    Max in tutto questo Cattolicesimo e Cristianesimo non centrano assolutamente nulla, sarebbe solo un modo per tirare la cinghia.

  19. Chris ha detto:

    Credo che l’ unica salvezza, sia quella di alzare i tacchi … parlo per chi puo’ permetterselo ovviamente ! … e andarsene da questo paese di merda il piu’ in fretta possibile, mentre chi non puo’ permetterselo e purtroppo sono la maggioranza, ci tocchera’ sputare sangue per una miserabile sopravivenza …. ben che vada, forse in cambio. Dal mio punto di vista non c’e’ piu’ nulla da salvare in questa italia che puzza da tempo ormai soltanto di cadavere. Auguri ad ogni uno ….

  20. Ciro renghini ha detto:

    Un saluto a Tutti e a Questa rispettevole Redazzione.
    Sono un italiano emigrato all’estero per motivi di lavoro,
    Una cosa non capisco, perche’ l’Italia non comincia a farsi pagare I soldi prestati in giro per il mondo, anziche’ creare fondi(“”) devoluzione del debito vedi Ecuador fondo FIE, milioni regalati
    e sperperati(“”) dai governanti del momento. Io vivo di persona questa situazione, sono disposto anche a inviarvi l’elenco di tutte le devoluzioni che l’Italia fa a questo paese.
    2003 il debito dell’Ecuador verso l’Italia era di 28.000.000 di dollari statunitensi
    il sito e’ Fondo Italo Ecuatoriano……………..
    Come se in Italia non avessimo necessita di opere,
    acqua potabile, fogne , e assurdo , QQuesto era solo l’accordo del 2003, ultimamente
    ottobre 2011 e’ stato firmato un nuovo accordo, cose che fanno scusate il termine schifooooooooo

    Un saluto da un italiano nauseato dal proprio paese.

  21. gianni ha detto:

    Ma carissimi amici che vi lamentate tutti ed ora diventate tutti critici irriducibili! Siete proprio sicuri di aver sempre pensato al bene del vostro paese piuttosto che al vostro star bene ? Io credo che un popolo di gente civile e progredita, che ha studiato ed e’ vissuta in una terra ricca di storia ed e’ forte della sua condizione ,non puo’ lamentarsi quando le cose vanno male , quando i governi che si succedono rubano, ti torchiano , pensano alla poltrona e a tenere il popolo sotto scacco. Siete tutti sicuri che noi non abbiamo sbagliato nulla , siamo stati sempre coerenti e non ci siamo mai lasciati prendere dagli egoismi ,dai formalismi, dal consumismo inutile . Siete tutti sicuri che per puro spirito di apparire ,piuttosto che essere ,abbiamo fatto bene?. Siete sicuri che e’ bello fare delle file chilometriche con le auto per andare in un centro commerciale solo per acquistare o solo per vedere un nuovo telefonino .Siete sicuri che e’ stato giusto vestirsi “solo di etichette” , rischiando di apparire dei manichini e con il solo scopo di sponsorizzare dei marchi. . Siete sicuri ,che siamo stati tutti attenti ai consumi , che non siamo stati troppo vittime idiote e inconsapevoli stupidi sponsor di marchi furbi? . Siete sicuri che tutti siamo stati capaci di resistere alle tentazioni di acquisto di cose inutili e superflue . Siete sicuri che tutti abbiamo vissuto la nostra vita in modo corretto, abbiamo condotto l’economia delle nostre famiglie pensando alla soddisfazione dei bisogni essenziali e veri? Siete sicuri di essere andati al voto e conferito questo voto in assoluta coscienza? Siete sicuri ,che almeno per una volta non vi siete lasciati tentare di favorire questo o quello, tradendo il vostro reale pensiero? Allora ,non possiamo scaricare tutte le colpe su 600 arrivisti e facilitati approfittatori. Il guasto siamo noi ! Forse questa lezione ci servira’ per prenderne coscienza e cambiare., cambiare, cambiare. ….. Essere diversi contribuisce a renderci migliori e a non far patire la nostra tasca! E’ importante riflettere su cio’ senza essere delle pecore belanti. Ciascuno di noi ha il dovere di farsi il proprio esame di coscienza. Con simpatia ,Gianni

  22. claudio ha detto:

    Sono perfettamente d’accordo con Gianni . L’analisi e’ perfetta ! In effetti ci sono degli interrogativi da porsi. Ci sono anche le nostre responsabilita’ Solo il fatto di non aver vigilato e non essersi ribellati alle malefatte dei vari politici che si sono succeduti ,sono delle nostre colpe. Ma ancora dalle note di Sandro e di Vittorio notiamo che si vuole mitizzare Berlusconi……. Ma siamo veramente sicuri che lui, Berlusconi e’ quel mito da esaltare? Tutti i regimi hanno dei limiti ! Questo e’ il limite del capitalismo esasperato e copiato dagli Stati Uniti d’america . Ma chi e’ schiavo dentro , non sa’ leggere……

  23. sen ha detto:

    E’ possibile che criticate sempre quello che si scrive invece di accettarlo come una opinione e basta.Perdete tempo a sfottere chi dice la sua opinione.

  24. giuseppe bolzonello ha detto:

    Dopo aver letto un po’ pareri , ho capito che tutti vorrebbero sbattere sulle ortiche il c…..o degli altri. Nessuno ha detto cosa farebbe (magari poco) per migliorare la nostra situazione economica.
    Ricordarsi che chi ci governa è lo specchio di tutti noi insieme. UNA COSA CHE FAREI IO PER CAMBIARE QUESTI NOSTRI DIRIGENTI SAREBBE PER ESEMPIO, NON VOTARLI !
    Oppure rimproverare colui che si vanta di non pagare tutte le tasse.
    Oppure………. Oppure………..!Ci sono molti Oppure

  25. Massimiliano ha detto:

    Dal canto mio mi sento in profondo disaccordo con tutte le opinioni sopra scritte , la soluzione è semplice e sotto gli occhi di tutti , Purtroppo inapplicabile poichè chi si siede sulle poltrone a Roma difficilmente molla il posto . Sono sempre stato convinto che il politico sia una vocazione e non una professione , forse è una visione un pochino utopistica della politica ma su livelli prettamente pratici sarebbe applicabile e funzionale . Sono curioso di sapere quanti “Signori” di quelli con il fondo schiena comodo sarebbero disposti realmente ad affrontare una radicale rivoluzione del sistema . Io mi occupo di co.ge. o controllo di gestione che dir si voglia si può far andar bene un’azienda perchè non uno stato ?
    Non è massacrando un popolo che si risolvono le loro mancanze , ormai l’italiano glorioso è solo l’ombra di quel che era . Ci tassano ? Tutti si lamentano ma nessuno fa nulla .
    Sono inoltre fermamento convinto dell’illeggittimità di questo governo spremi agrumi , nessuno lo ha votato è stato messo li di comodo per fare il lavoro sporco e lo stà facendo alla grande , mancano in tutto tanto basta tassare in maniera random , gli italiani sono stupidi e pagano .
    Io un’idea la avrei ridimensionando lo spropositato costo di gestione del pubblico in Italia questa “Manovra” non era necessaria o meglio non in questa misura , richiamando il fatto della missione e non della professione a partire da i politici stipendiati o come preferiscono dire loro rimborsati con € 3.000,00 al mese e stop tanto non pagano nulla quindi sono anche troppi , e così a scendere a tutti i livelli , manager fino agli impiegati che dovrebbero essere equiparati ai privati anche perchè comunque poi non funziona nulla quindi non vedo perchè questi super stipendi . Ad oggi la sola politica ci costa € 23.000.000.000 ( ventitre miliardi ) per quattro scavezza collo piazzati li ad andare in tv a dire castronerie alle quali ormai neanche i bambini credono .Ora provate a pensare se si riducessero gli stipendi di queste persone dagli attuali € 15.000,00 a € 3.000,00 divisi per 945 tra deputati e senatori sigificherebbe un risparmio mensile solo ai pianio alti di € 11.340.000 mensili per 12 mesi fanno € 136.080.000 , C’è poi tutto l’indotto che li circonda e qua le cifre cominciano a spaventare per difetto mettiamo una cifre di € 200.000.000 annui , arriviamo poi ai consiglieri regionali altri € 15.000,00 per 1117 € 167.550.000 come sopra la riduzione del loro appannaggio porterebbe ad un ulteriore risparmio di € 127.338.000 su base annua , questo per parlare di grandi numeri poi si scende via via da sindaci ,consiglieri comunali e quant’altro fino ad arrivare ai famosi 23.000.000.000 sopra citati ridimensionando queste spese su tutti i livelli si arriverebbe ad un risparmio di circa 15miliardi e sarebbe il 50 % del salasso messo in opera dall’attuale insediamento al governo .
    Se poi l’intervento venisse applicato anche al ridimensionamento di altri dipendenti pubblici e manager si otterebbe un ulteriore risparmio di circa € 3.500.000.000 per un totale di € 18.500.000.000 che non sono proprio quattro spiccioli .
    E si potrebbe andare avanti così per ore a reperire fondi negli innumerevoli sprechi italiani ,ma dal canto mio penso di avervi anche annoiato abbastanza con tutti questi numeri , spero che queste mie righe servano a far riflettere su ciò che davvero è , e ciò che dovrebbe essere .
    T.M.V.

  26. Massimiliano ha detto:

    follow me on massimotorn.wordpress.com

  27. Hussein ha detto:

    Buona sera a tutti,
    ho letto tutti i vostri commenti davvero molto interessanti.. Volevo chiedere se posso gentilmente usarne qualcuno su facebook ( un gruppo che desidero creare prossimamente ). In particolare mi interessava il commento di Gianni perché penso possa colpire il pubblico, attirando l’attenzione..
    Se invece non posso usare i commenti non è un problema mi inventerò altro..
    Creo un gruppo su facebook perché.. vorrei che qualcosa cambi.. in meglio ovviamente e sono molto ottimista perché confido soprattutto in 3 armi molto importanti :
    1- I giovani
    2- L’informazione
    3- Facebook e la velocità con cui in esso le informazioni si propagano ( basti pensare che praticamente è stato a parere di molti cio che ha permesso la rivoluzione in alcuni paesi arabi.. )

    Se qualcuno volesse collaborare siete tutti benvenuti.. Grazie

  28. Ciro Renghini ha detto:

    Un saluto a tutti.
    Pensiamo a quanti soldi giornalmente escono dall ‘ Italia per via:
    Wester Union, banche, posta etc etc.
    Senza poagare un solo centesimo di tassa, sottraendo linfa alla nostra economia
    questi soldi vengono sottratti dal giro economico, questo vale per tutte le centinaia di migliaia di comunitari ed extra comunitari che sono prersenti in Italia in modo legale o illegale, per non parlare di quanto ci costa mantenere questi centri di accoglienza, rimandiamoli come sono arrivati,
    non per essere cattivi, ma vi siete mai trovati in un paese straniero tipo”africa, asia ” senza documenti
    vi sbattono in galera e dopo giorni vi rimpatriano con i soldi della vostra abbasciata:
    Comunque l’italia e’ diventata quello che e’ per:
    Invasione cinese in tutti i settori “toglie linfa alla economia e ci riempe di spazzatura”
    immigrazione mai controllata e desiderata, dovevamo importare i cervelli di gente capace non dei lava culi come abbiamo fatto, toggliendo cosi’ lavoro alla nostri compatrioti senza un titolo professionale, oggi un manovasle guadagna” ” 6 euro a l’ora io guadagnavo 6 mila Lire la ora ed erano soldi, i nostri sindacati sono la causa principale della rovina dell’ Italia…..
    posso scrivere un romanzo su i nostri sindacati …………

    Arrivederci e buon inizio anno a tutti.

  29. cosimo ha detto:

    la situazione economica italiana si può paragonare a quella degli Stati Uniti e molti altri paesi nel 1929. Monti viene criticato per le sue “troppe riforme”. ma è palese che deve fare qualcosa per salvare questo paese. sta facendo quello che avremmo voluto facesse Berlusconi: ha imposto la tassa sul lusso, la tassa sullo yecht, insomma i ricchi pagheranno finalmente più di quanto paghiamo noi. ma se noi paghiamo molte tasse lo facciamo perchè una grandissima parte degli italiani non le paga: se tutti pagassero le tasse tutti pagherebbero meno tasse e il nostro Paese si riprenderebbe. in questo modo rimarrebbe un unico problema:il debito pubblico, che è anche il più grave ma per il 2013 forse riusciremmo in parte a saldarlo.

  30. mirko ha detto:

    se tutti pagassero le tasse (come è giusto che sia) lo stato avrebbe molti più soldi da sperperare e le pressione fiscale rimarrebbe tale. Le tasse si devono pagare, ma la gestione delle risorse deve essere perfetta, allora forse riusciremmo a stare tutti un po’ meglio (tasse più basse e servizi migliori). Infatti dobbiamo migliorare l’efficienza del sistema Italia al massimo, perché purtroppo il capitalismo, comporta lo spostamento della ricchezza di massa dove è più conveniente (in questo momento nei paesi dove la mano d’opera costa meno), fa si che l’Europa e quindi anche l’Italia siano entrate in recessione (che continuerà fino a che non tornerà ad essere conveniente riportare la produzione dalle nostre parti). Poi questo trend si può combattere un po’ rendendo il mercato del lavoro più duttile o con altre soluzioni che fondamentalmente ci renderanno tutti un po’ più poveri, ma la realtà è che la crisi sarà lunga e difficile a prescindere da chi ci governerà perchè coloro che succederanno agli attuali politici potranno solo, se veramente capaci, rendere le cose meno difficili, ma non potranno di certo risolvere il problema, che è globale. La soluzione ora è solo un’utopia, perché ci vorrebbe un governo globale, con regole globali che mettano al primo posto l’ambiente e il bene di tutti a discapito del guadagno personale (il contrario del capitalismo), ma chi è al potere difficilmente tenderà a cambiare le regole che lo hanno portato nella posizione di privilegiato.

  31. l'ignorante ha detto:

    non leggo giornali e non guardo tv……… guardo la gente ogni giorno e vedo solo gente disperata e penso che ci vorrebbe una sana rivolta (almeno così diamo senso a questa nostra vita e credo che i nostri figli un giorno ci ricorderanno come dei combattenti e non come disoccupati che elemosinano lavoro, che stranamente non esiste più.
    Cerchiamo di riprenderci la nostra dignità, assomigliamo sempre di più ai nuovi ebrei nei campi di concentramento.

  32. Pietro ha detto:

    Esasperato scrive: se vedeste gli sprechi che vedo io nel comune dove lavoro vi verrebe voglia di far saltare qualche testa a legnate,se amministrassimo le nostre famiglie come si amministra il denaro pubblico in Italia andremmo sul lastrico in 2 mesi, e la cosa ridicola è che ai dipendenti pubblici è vietato per legge criticare l’operato dei propri datori di lavoro, tra ruberie e sprechi e mancati introiti del fisco si potrebbe sanare il debito in pochi anni e invece dagli a spremere chi lo è già stato innumerevoli volte ed ora è ridotto a sopravvivere, ma lo sapete che abbiamo la gestione pubblica più arretrata dopo il Portogallo,e perchè? Perchè in questo modo molti ci guadagnano e non hanno interesse a snellire nessun procedimento, anzi lo ostacolano , comunque sono d’accordo con coloro che scrivono: dove eravamo negli ultimi 20 anni dopo il 1992 e tangentopoli, pensavamo tutti che la grande abbuffata di denaro pubblico fosse finita ed iniziassero le riforme , è 20 che attendiamo che il paese si svecchi ed invece i politici hanno continuato peggio di prima a rubare e a non pensare di ammodernare il paese, e gli Italiani ancora pensano che a votare qualche nuovo partito si possa risolvere la situazione,sono convinto che l’unica soluzione sia non votare più e scendere in piazza a protestare più o meno civilmente. Chi ha passato i 50 anni si ricorderà bene i pronostici che i media ci sciorinavano negli anni 80 i media che dipingevano gli anni 2000 all’insegna di megacittà con giardini pensili dove la gente si spostava a bordo di moto spaziali; alla faccia del superbenessere,fra poco se proseguimo così sarà un lusso mangiare.

  33. Rosario Fichera ha detto:

    secondo me Monti difende una classe sociale ricca , a scapito dei poveretti che devono sempre pagare e vedono giorno dopo giorno assotigliare la speranza che la situazione attuale possa risolversi positivamente per l’Italia. Lo spread tra i titoli pubblici Italiani e quelli Tedeschi aumenterà ancora redendo vano qualsiasi tentativo di risanamento. Sarà inutile vendere i 20 milirdi all’anno di beni pubblici, che rappresentano l’1% di PIL, tanto il PIL va giù a valanga nei prossimi anni. Si dovrebbe avere il coraggio di dire che non c’è nulla fare fino a quando si vogliono proteggere i poteri forti e tutta la classe politica attuale. Il Presidente Napolitano era a conoscenza di questa situazione e non ha esitato a dare mandato al Prof. Monti affinchè potesse procedere a massacrare i poveretti e proteggere i poteri forti e l’attuale classe politica. Quanto detto e sotto gli occhi di tutti e per capirlo non ci vogliono particolari titoli di studio. L’unica speranza e quella di riuscire a mandare a casa nelle prossime elezioni, tutti i politici attuali ed il Prof. Monti con i componenti il suo governo. Andare a cercare i soldi nelle tasche di chi li ha e dare mandato ai giovani (quelli veri) che hanno diritto a gestire il proprio futuro.

  34. salvatore ha detto:

    Io manderei tutti i politici a zappare e/o vangare la terra per capire i veri LAVORATORI cosa subiscono. C’è poco da dire: non hanno più cosa toglierci. Io la colpa la do solo agli italiani che non fanno nulla per evitare questi sopprusi.

  35. Flavio ha detto:

    Io ho 33 anni e dall’età di 20 che faccio l’artigiano ,ho una piccola ditta ,ho creduto sempre nel lavoro ma ora non ci credo piu’.Lo stato vuole sempre di piu’ e io non ce la farò a resistere ancora per molto quindi dovrò chiudere e a quel punto tutti i miei sogni svaniranno per sempre ,tornerò a fare il dipendente sempre se troverò lavoro e poi vivrò sicuramente di una disoccupazione che bel futuro non credete? A noi giovani ormai ci hanno tagliato le gambe per sempre .Grazie Governo ,Grazie Italia per il futuro che mi si prospetta.

  36. maurizio ha detto:

    La crisi italiana ha radici antiche e 50 anni di Democrazia Cristiana prima e di berlusconismo poi ne sono i testimoni. La politica soprattutto di sinistra insieme ai sindacati rese possibile avere quasi un dipendente statale in ogni famiglia, un padre, un figlio, una moglie, ecc. In tal modo nessuno negli ultimi 60 anni ha mai avuto un vero interesse ad opporsi alla politica che di fatto ha controllato milioni di posti di lavoro e quindi decine di milioni di italiani e quindi la nascita di uno stato tra i piu’ corrotti al mondo come confermano i fatti e molti enti internazionali (Fmi) e nazionali (Corte dei Conti,ecc..). Ovviamente se guardiamo a paesi analoghi come l’Argentina che falli’ per la stessa ragione potremmo pensare che questo e’ il nostro destino. Tuttavia l’Italia e’ nella CE e fallire e’ molto piu’ difficile e per nostra sfortuna o tutti gli italiani faranno un passo indietro, (dimezzamento degli stipendi dei dirigenti pubblici, eliminazione di Province e Regioni a statuto speciale, accorpamento di Comuni, elimazione di enti Pubblici come Antitrust e fondazioni legate alla politica che sono centinaia e allo stesso tempo potenziare la ricerca assumendo ottimi ricercatori con stipendi anologhi a quelli tedeschi o americani), oppure il crollo che subira’ il nostro paese sara’ comparabile piu’ a quello Greco che a quello Argentino. Ritengo pero’ che l’agonia sara’ molto lunga e il nostro paese semplicemente perdera’ di concorrenzialita’ nel mondo per i prossimi 10 anni, il mondo politico e statale non rinuncera’ ai propri privilegi e molti italiani saranno costretti ad emigrare come e’ gia’ accaduto. Questo e’ il prezzo da pagare nell’accettare 60 anni di corruzione senza mai opporsi se non per pochi eroi che lo hanno fatto a caro prezzo.

  37. idenio ha detto:

    Questa e’la situazione

    Con mille euro al mese
    nel nostro bel Paese
    non arrivi a fin del mese.
    E pensa amico caro
    che tu lo voglia o no,
    che sia bello o brutto,
    ti rubano di tutto.
    Nella politica poi,
    la revision della spesa
    e quello che piu’ ti pesa.
    E con la riforma elettorale
    fai la fine del maiale.
    Chi pensa sempre a tutto
    e’ quel bel farabutto,
    che del popolo italiano
    e di tutta la sua gente
    non glie ne frega niente.
    Con l’euro che scende e
    con l’aumento d’inflazione,
    fai la parte del coglione.
    Con la Merkel che comanda
    e con tutta la sua banda,
    la nostra Italia bella
    e’finita in padella.
    I tecnici del Governo
    provano e non sanno,
    come poter guarire
    il nostro bel malanno.
    Monti,iI professore
    cerca da parte sua
    di finir la legislatura.
    Ma Casini, Bersani e Alfano
    ce lo mettono nell’ano.
    C’e chi annuncia dal Sestriere
    Il ritorno del Cavalliere,
    come se dopo tutto
    non fossimo gia’ in lutto.
    Per fortuna che la BCE
    con la Direzione di Draghi
    assicura tutti I paghi
    e le compensazioni
    a tutti noi coglioni.
    Lo spread sale e sale
    e le cose vanno male.
    L’ellenica nazione
    avendo abusato troppo
    ha perso la ragione.
    Io so amici cari
    che e’ una storia lunga,
    era meglio il bunga bunga
    di passata memoria,
    giunto ormai alla Gloria
    di un popolo di eroi
    che nonostante tutto
    nella sua lunga storia
    ha perso la memoria
    e pensa sempre illuso
    che la situazione attuale
    non sia cosi fatale.
    E di noi poveri italiani….
    che ne sara’ domani….????

  38. idenio ha detto:

    Forse non sapevate che Transaprency International ha classificato il grado di corruzione di 183 Paesi, da meno a piu’.La nostra bella Italia figura, a parita’ con il Ghana, al posto 69 con un punteggio di 3.9 su 10.Il Paese meno corrotto risulta essere la Nuova Zelandia, che figura al N.1.
    Triste deduzione: siamo un Paese di MERDA!!!!!

  39. idenio ha detto:

    Solo la Grecia ‘figura dopo di noi!!!

  40. david81 ha detto:

    ciao a tutti. ho letto tutti i vostri commenti e ciò mi lascia perplesso , può essere vero che il nostro paese e un paese di merda ma a renderlo cosi non è solo il governo ma anche noi che ci abitiamo (non difendo i politici perchè li manderei tutti a casa ), io ho 31 anni e per far sopravvivere la mia piccola ditta devo lavorare con l’estero in particolar modo con il messico ,e sto imparando molto su come la gente lotta per i suoi diritti e specialmente i giovani dove tirano fuori gli attributi per combbattere le ingiustizie e il narcotraffico .Qui è nato un movimento chiamato io sono 132 ,fondato da un gruppo di universitari ,i quali non permisero a un candidato politico sostenuto dal narco di entrare nell’universita ,il politico indignato disse sono solo 131 ragazzi che non sanno cosa dicono ecco perche è nato il movimento per dire che sono più di 131 mentre in italia la maggior parte dei nostri ragazzi pensa solo a fare casting per fare successo senza preoccuparsi di come va il nostro paese.
    L’italia è una repubblica costituzionale basata sul lavoro e lo stato sta distuggendo questo ,ora credo che tocchi a noi fare qualche cosa se rivogliamo il nostro paese, credo che stia a noi scegliere come far chiamare il nostro paese la BELL’ITALIA o ITALIA diMERDA.
    Ribelliamoci alle ingiustizie senza uso della forza ma con la testa.
    un saluto a tutti

  41. Gaetano ha detto:

    Per distruggere un popolo è semplice devi distruggere la sua cultura.
    ed è quello che è stato fatto pazientemente in tutti questi anni come con la televisione propinando la cultura del consumismo della comodità e della perversione .
    La forza di un popolo sono i giovani e cosi saranno loro i primi a perire (droga,distrazioni di ogni genere ,intrattenimenti di ogni genere, consumismo ,confusione stili di vita che non ci appartengono o addirittura di altri paesi.
    L’unica identità che un po ci è rimasta è la cucina ma per il resto e forse anche quella potrebbe vacillare allora io mi domando se anche fosse che ci sia un complotto contro i nostri interessi cosa dobbiamo fare noi Italiani? dobbiamo imparare a pensare bene e in grande la nostra deve essere una costituzione fondata sul pensiero costruttivo e induttivo .
    dobbiamo concentrarci su quello che dobbiamo fare e no su quello che non dobbiamo fare .Per essere capaci bisogna appropriarsi di una psicologia forte .
    l’Italia un paese di merda che bestemmia! un paese ambito molto ambito e già se tu mettessi una bellissima donna in mezzo a tante meno belle non pensi che qualcuna potrebbe parlare male per distruggere la sua immagine con il solo potere delle parole e della persuasione . La realtà l’Italia è un paese con la potenzialità di essere autosufficiente ,potente ,geograficamente strategica ,commercialmente avvantaggiata ,insomma un paese da eliminare, un paese che fa venire i nervi della sua fortuna allora che si fa? roviniamola .
    Insomma la rivoluzione l’italiano se la vuole fare la deve fare cambiando il suo modo di pensare pensando diversamente in maniera costruttiva si intende cambierà anche il suo modo di fare e questo condizionerà la società che a sua volta farà la stessa cosa .Questa gente ci blocca con carta penna e parole noi li fermeremo con le azioni concrete è questa la loro più grande paura vedere delle persone impegnate e motivate che sanno quello che devono fare .quindi tranquilli l’italia è un paradiso che deve essere ripulito con risolutezza ,prima che lo fanno loro con noi anche perche passeranno alle azioni questa volta ,vince chi attaccherà per primo!noi.

  42. Andrea ha detto:

    …..provate a visitare qualsiasi paese asiatico,e alcuni europei anche,dove la parola crisi economica proprio non sanno cosa significhi.Ristoranti aperti 24 ore non stop,gente che viaggia a piedi ,in macchina,bus continuamente di giorno e notte ,anche nei punti piu isolati..centri commerciali a bizzeffe e tutti Pieni di gente che va e viene……..da noi in italia dopo le 21 tipo periferia emiliana ……….scende il coprifuoco……paese morto.A morte i politici TUTTI!

  43. Riccardo ha detto:

    In questi anni ho capito una cosa, che il problema non e’ dove ti dicono che sia, voglio dire se ti dicono che il problema e’ l’evasione fiscale, vuol dire che vogliono che tu guardi in quella direzione e inizia la caccia alle streghe Mi ricordo che nella storia in italia anno sempre dato la colpa alle altre persone per tenere lontana l’attenzione di tutti dal vero problema cercano di far cadere sempre le colpe su altri aspetti ,e poi siamo un popolo chiuso che non si aiuta sempre pronti a fregarsi Mi ricordo i valori che mi ha insegnato mia madre avevo 6 anni ero andato in macelleria a quei tempi si poteva uscire ancora da soli senza paura e ricordo che mi mancavano 50 lire sono tornato e mia madre mi fece riportare subito le 50 lire al macellaio che era felice del fatto che avessi riportato anche una piccola somma indietro ma era la cosa giusta, questo mi rese orgoglioso per le parole di approvazione per il gesto fatto Oggi se paghi sei coglione meglio morte tua vita mia …che casino e’

    1 Comunque meno soldi hai politici
    2 Non vado in chiesa ma credo in Dio ,chi vive in italia si adegui alle leggi, non si puo’ solo prendere dal territorio, si deve dare come insegna Gesu’ all’ora pagate anche voi del vaticano
    3 Tutti questi extracomunitari aggressiv,i violenti, ladri chi sbaglia, subito fuori niente galere italiane fuori e mai piu’ in italia fine.
    4 Chi sbaglia deve pagare se un geometra del comune sbaglia che paghi non possiamo rifare una rotonda 3 volte perche’ l’autobus non ci gira, con i soldi di tutti, sempre che non siano scuse per rubare, ma se paga chi sbaglia, stara’ piu’ attento ..
    5 Non massacrate gli imprenditori se hanno la barca, la ferrari la villa va bene danno da lavorare e sfamano 500 famiglie che vi frega, altrimenti alla fine dicono italiani ciao e aprono in Est europa Asia che gli frega di farsi tartassare sono ricchi e fanno che gli pare

  44. ciro renghini ha detto:

    Carissimo come sempre un ottimo commento,
    non dimentichiamoci tutti gli spacciatori, prostitute che vivono in Italia piu’ delle volte illegalmente, cosa aspettiamo a mandarli via con un calcio nel culo nel vero senso della parola, evadono miliardi e cosa assurda inviano fuori dal paese soldi che mancano alla economia italiana.

    Proibiamo a questi inutili di inviare fuori i soldi , permettiamolo sdolo alle persone che possono dimostrare un reddito:

    Basta con tutti questi vu cumpra che la maggior parte di l’oro fanno parte della delinquenza organizzata vendendo merce contraffata.

    Basta ai commercianti cinesi che non ti rilasciano uno scontrino neanche se li ammazzi
    e che vendono nei l’oro ristoranti merce scaduta, avariata:

    Ci vogliono controlli e controllori su queste problematiche .
    Chiudiamo tutti quei centri di smercio di materiali illegali che arrivano ahime tutti i giorni in Italia
    sequestriamo un conmtainer ma ne passano 10.

    Poi come tu dicevi basta alla chiesa che con il suo pseudo buonismo ci ha fatto arrivare in italia tutta la peggior gente del mondo:
    Ricordiamo i Rumeni, polacchi, albanesi, etc. etc:

    Dico mille volte si alla fascismo reale che a questo buonismo di mala affare.

    Distinti saluti
    da un italiano immigrato per disperazione no economica ma di liberta:

    Liberta’ di uscire la sera, liberta di non dimenticarmi l’auto aperta, l’iberta di poter dormire senza dover ascoltare il baccano infernale che fa':
    L’ecuatoriano, marocchino, algerino etc. etc:

  45. federico ha detto:

    ehm…la butto li?sara’ che ci fanno strare male apposta se no chissa’ entro il 2020 quanto aumenta la popolazione mondiale?detta’ cosi’ eh! poi potete usare tutti i termini economici politici del caxxo del caso….!ma la verita’ e’ che il mondo e’ governato da chissa’ chi! altro che obama. obama e’ una marionetta che la mattina la alzano e la vestono !

  46. carlo ha detto:

    Ma la crescita? il governo Monti l’ha dimenticata? solo tasse, ancora tasse, non si vive piu, Mario si dovrebbe vergognare.

  47. Pingback: Renzi leader del Governo? Grillo avverte: "Italia in bancarotta!".

  48. mary ha detto:

    SE NON SI DECIDE IL POPOLO ITALIANO PER UN’AZIONE DI FORZA (RIVOLUZIONE) VERSO CHI GOVERNA, SI ANDRA’ SEMPRE PEGGIO.. LA SITUAZIONE DAL 2010 E’ VERAMENTE CRITICA.. NEL BARATRO.. E’ UN DISATRO..

  49. emanuel ha detto:

    PREMETTO CHE SCRIVO DALL AUSTRALIA HO UN OPBIETTIVO QUELLO DI DIVENTARE AUSTRALIANO A TUTTI GLI EFFETTI E POI IO SONO UN ITALIANO IMMIGRATO QUA QUINDI STIAMO UN PO ZITTI ITALIANI CHE LA COSA PIU DOLOROSA CHE POSO DIRE CHE GLI ITALIANI MI STANNO SUL CAZZO NON SI MUOVONO IL LORPO CULO SONO STFO DEGLI ITALIA E ITALIANI CHE SI LAMENTANO DELLA PROSTITUZIONE E DELLA DROGA E LE TASSE E QUESTO E L’IMMGRAZIONE …………….ITALIANI FINTI CATTOLICI CRISTIANI AHHHHH QUANTE BALLE E IL PAPA AHHHH CHE MINKIATE ANDATE A LEGGERE LA BIBBIA E POI UN ALTRA COSA I POLITICI FANNO I BRAVI CATTOLICI MA ANDATE A CAGARE SONO CONTENTO CHE L’ITALIA E COSI NON GRAZIE AGLI IMMIGRATI E IL GPOVERNO MA GLI ITALIANI ……..IO SONO SCAPPATO PER LIBERTA DI SCELTA …IO VIVO IN AUSTRALIA TUTTO MONDPO E PAESE QUA C’E DALL THAI ALL CINA JAPPONE KPOREN
    FILIPIINO MA NON TUYTTI PèOSSONO ENTRARE E POI QUA LE LEGGI FUNZIONANO PRIMA GLI AUSTRALIANI E POI GLI STRANIERI E NON SOLO ERO CATTOLICO ERO UN MINKIONE CATTOLICO DEL CAZZO PERCHE L’ITALIA INSEGNA COL CULO COME TUTTO
    MI SONO CONVERTITO E SONO CRISTIANO E CREDO SOLO IN JESUS CHRIST
    CARI ITALIANI GIUDICATEMI MA NON STO ZITTO ANZI HO APPENA INIZIATO ………..

  50. emanuel io sono italiano e me ne vergogno anzi mi fa schifo gli italioti meritano il governo che hanno per salvare l’italia e quei pochi italiani seri dobbiamo condividere la stessa disgrazia, LA FAME NERA

  51. mariomichele ha detto:

    Secondo me non serve un genio dell’economia per risolvere
    il problema crisi ma, ci vuole una grande coscienza e un forte
    coraggio di chi vuole seriamente amministrare e salvare il popolo italiano.
    Le cose si devono dire giuste come sono, senza trovare parole difficile
    da comprendere ma facile da far capire alle persone e soprattutto senza
    prendere in giro nessuno per come si dice a Napoli “quà nessuno e fesso”.
    Sono un piccolo imprenditore ed esercito con successo nel campo
    dell’Agricoltura, Artigianato e Turismo da circa 40 anni in Calabria sull’Alto
    Tirreno Cosentino, vivo in mezzo alla gente e sento tutti i discorsi e vedo
    i forti disagi che affrontano le famiglie nei paesini limitrofi.
    Le mie ‘attività sono prettamente a conduzione familiare e ciò nonostante
    l’attuale contingenza economica non ci ha risparmiato.
    Le mie osservazioni nascono dall’esperienza personale, di chi verifica
    la crisi sulla propria pelle, intravede le soluzioni e vede la disperazione
    delle famiglie e dei giovani che ogni tanto escono fuori di testa facendo
    azioni inammissibili e irrimediabili e condannabile,ma dovremmo anche
    condannare chi li ha costretto a compiere determinati brutti gesti.
    Occorrerebbero fare poche mosse pur non dando finanziamenti a fondo
    perduto per ristrutturare le aziende ecc.. Se una industria guadagna può
    fare investimenti anche pagando con il guadagno.
    Bisogna mirare a creare la scintilla idonea dello sviluppo a iniziare da subito
    e almeno per la durata di 12 mesi:
    -Riduzione dell’IVA del 50% su tutti i campi
    -Riduzione del 50% le assicurazione sugli autocarri, dando più responsabilità
    a chi provoca incidenti.
    -Eliminazione bollo per autocarri per ridurre il costo sui trasporti.
    -Riduzione dei carburanti in agricoltura 80%
    -Esonero totale dei contributi Inps, Inail su tutte le assunzione
    in agricoltura ed edilizia.
    -Invogliare ai giovani a riprendere le attività dei vecchi mestieri , senza
    alcun tipo di tassa e contabilità per:
    calzolai, sarti, fabbri, falegnami, coltivatori diretti e tutti i piccoli artigiani
    che non consumano oltre 10.000 kw di energia elettrica durante l’anno,
    che non hanno dipendenti, che il laboratorio non supera metri quadri 50
    di superficie e che non superano il valore di €. 30.000,00 di macchine e
    attrezzature varie per condurre il lavoro e senza ricevere alcun incentivo
    da parte dello Stato Italiano.
    -Semplificazione della contabilità sulla fatturazione ricevuta, emessa e sulla
    contabilità bancaria, riducendo la troppa burocrazia per abbassare i costi
    per le imprese presse i nostri commercialisti per il mantenimento della
    contabilità ordinaria di ogni azienda.
    -Semplificazione della sicurezza sul lavoro 626, visite mediche, corsi per i
    dipendenti e controlli H. A. C. C. P. gratuite e più responsabilità per chi crea danni.
    -Riduzione degli interessi bancari del 70%
    -Dare la possibilità alle Imprese sane e affidate di accedere da subito presso la
    Banca a un mutuo del valore del 100% del fido in corso di validità di ogni azienda.
    -Dare la possibilità per chi si trova in seria difficoltà economica per appianare i
    debiti, di poter vendere i propri beni mobili e immobili al massimo prezzo di
    valutazioni che gli viene offerto dall’acquirente e non secondo le tariffe di
    vendita del comune, altrimenti li dovrà acquistarle lo stato Italiano.
    -Aumentare la tariffa di sdoganamento per la merce che entra in Italia per
    dare più ripresa e occupazione.
    -Canoni Demaniali:
    tutelare le 30.000 imprese che lavorano sul Demanio Marittimo, no alle aste,
    no ai canoni da strozzinaggio e soprattutto dare la possibilità ai concessionari
    che vogliono cedere la propria attività realizzata dal nulla con tanti sacrifici
    di poterla lasciare solo dopo aver ricevuto un avviamento commerciale idoneo,
    perché sarebbe troppo bello sedersi a tavola pronta per mangiare senza aver
    lavorato o essere stato invitato a sedersi, tutto si può fare con garbo ma senza
    scontentare nessuno e soprattutto premiare i realizzatori di attività create dal nulla.
    -Incoraggiare la crescita di piccole centrale idroelettrica.
    In Italia si contano oltre 2.500 piccole centrali idroelettriche, ma il numero sembra
    destinato ad aumentare. Molti investitori privati e comunità locali sono interessati
    ad investire in questo settore, che viene definito “nuovo idroelettrico”, e che sta
    ricevendo parecchi incentivi da parte dell’Unione Europea in vista del raggiungimento
    dell’obiettivo di ridurre i gas inquinanti. Ma se in teoria questi impianti rappresentano
    la soluzione che accontenta tutti (ecologisti, Unione Europea, produttori), nella realtà
    aprire una piccola centrale idroelettrica diventa un dramma. Un piccolo produttore
    deve presentare una serie di documenti per gli adempimenti burocratici.
    Eccoli nel dettaglio:
    • 1) Valutazione di impatto ambientale (se l’impianto supera la potenza di 100kW),
    comprendente analisi delle conseguenze dell’impianto su animali, vegetazione,
    qualità dell’acqua, impatto acustico, assetto idrogeologico, ecc.
    La Via deve evidenziare anche la quantità di acqua stimata da rilasciare per
    forza nel letto del fiume (calcolo del deflusso minimo vitale);
    • 2) Concessione delle Regione o della Provincia che autorizzi all’uso dell’acqua;
    • 3) Autorizzazione a connettersi alla rete elettrica nazionale;
    • 4) Permesso del Comune per costruire;
    • 5) Autorizzazioni per l’utilizzo dei terreni.
    Per ultimare la pratica necessitano una trentina di permessi, autorizzazioni e perizie,
    i tempi sono abbastanza lunghi, e questo comporta un aggravio dei costi e un
    rallentamento dell’intero settore.
    -Dare la possibilità alle aziende agricole, alle attività industriale e trasportatori di
    potersi produrre il proprio Bio carburante per poterlo utilizzare dentro i propri
    mezzi di trasporto e motori a scoppi vari che vengono utilizzati per il funzionamento
    della propria azienda con:
    – Eliminazione totale delle accise fissate dal fisco per il Bio carburante.
    Il Biodiesel è un biocombustibile, ottenuto in maniera diretta da fonti
    rinnovabili come ad esempio olii vegetali o grassi animali. Il Biodiesel
    è liquido, dal color ambrato con un tipo di viscosità del tutto simile al gasolio.
    Un tipo di Biodiesel particolarmente interessante è quello che si può ottenere
    dalle alghe che risolve anche il problema di “non affamare” le popolazioni
    più povere riducendo le colture. Molte aziende stanno infatti studiando la
    possibilità di utilizzare una serie di alghe, geneticamente modificate
    al fine di produrre combustibile.
    La produzione di tale combustibile non risulta inoltre essere particolarmente
    difficoltosa: sono infatti solo necessari, anidride carbonica, generata
    appunto dalla stessa fotosintesi, alghe, luce solare acqua non potabile.
    Quali sono quindi i vantaggi nell’utilizzo dei biocarburanti?
    Rispetto all’utilizzo del gasolio, vi sono notevoli riduzioni di ossido di carboni,
    mancanza totale di emissioni di idrocarburi aromatici (tipo il benzopirene),
    nessuna emissione di diossido di zolfo (non contiene infatti zolfo) e notevole
    riduzione delle polveri sottili.
    I Biocarburanti sono inoltre in grado di produrre 30 volte più energia per
    ettaro di qualsiasi altra fonte bioenergetica.
    Oltre ai vantaggi sopra citati è doveroso ricordare che il Biodiesel: è rinnovabile,
    è biodegradabile e garantisce un rendimento energetico pari a quello
    dei carburanti e dei combustibili minerali ed un’ottima affidabilità nelle
    prestazioni dei veicoli e degli impianti di riscaldamento.
    “Con il biodiesel ottenuto da coltivazioni come il colza e il girasole è possibile
    ridurre dell’80 per cento le emissioni di idrocarburi e policiclici aromatici e del
    50 per cento quelli di particolato e polveri sottili, principali responsabili dello
    smog in città”. E’ quanto afferma la Coldiretti, in riferimento alla notizia che in
    Trentino nei supermercati è quasi introvabile l’olio di colza da cucina perchè
    gli automobilisti lo usano come carburante nelle vetture diesel.
    Si tratta di una opportunità per evitare il diffondersi
    dell’illegalità con il carburante fai da te senza disperdere il vantaggi che questo
    tipo di alimentazione delle autovetture comporta per l’ambiente e la riduzione
    dei consumi di combustibili fossili.
    Paesi come la Francia dove un proprietario di auto diesel su due, viaggia
    utilizzando energia verde, sette raffinerie su tredici incorporano il biodiesel
    nel gasolio in percentuale del 5% e oltre trenta gruppi industriali utilizzano
    veicoli con biodiesel al 30%.
    Con la situazione del momento, se non riescono a resistere gli attuali ancora
    pochi rimasti imprenditori, commercianti, artigiani e agricoltori che hanno
    fatto tanti sacrifici in molti anni, figuriamoci coloro che pensano di intraprendere
    per la prima volta una nuova attività pensando che la manna gli cade
    semplicemente dal cielo. Se faticano a salvarsi dalla crisi chi è già avviato da
    tempo, figuriamoci chi dovrà iniziare se non cambiano le cose.
    Con la situazione economica italiana del momento non vengono in Italia neanche
    investitori stranieri per paura di fallirci.
    -I soldi occorrenti bisogna prenderli da dove sono messi in più eliminando:
    Enti in’utili, riduzione sprechi della politica e il governo
    deve ridurre la burocrazia ed i burocrati, in questa maniera si riducono
    costi e tasse per tutti che negli ultimi quaranta anni si e
    fatta troppo crescere .
    Tutti dobbiamo lavorare, mangiare e vivere degnamente e senza strafare.
    Ci vogliono fatti reali e non chiacchiere per non finire male tutti.
    Mi auguro che c’è la caviamo bene.

    Grisolia lì 16 marzo 2014 Mario Michele Adduci.

  52. Johnc863 ha detto:

    Hey, thanks for the post.Really thank you! Really Cool. fcdfabkedgfd

  53. Johnd284 ha detto:

    I’m hunting for web sites that contain fantastic recommendations on what’s in fashion and just what top rated makeup products is.. fbcaageadffe

  54. Johnd895 ha detto:

    It is really a nice and helpful piece of info. Im glad that you shared this helpful information with us. Please keep us up to date like this. Thanks for sharing. bddbecddceeg

  55. Johnd488 ha detto:

    whoah this blog is excellent i really like reading your articles. Stay up the good work! You already know, many persons are looking around for this info, you could help them greatly. dfddafaaeedg

  56. Johnd614 ha detto:

    I’m curious to uncover out what blog system youre employing? Im experiencing some small security troubles with my latest weblog and Id like to locate something more safeguarded. Do you’ve any recommendations? cccdgkcdegke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...