Feltri e Pecorelli

Mino Pecorelli (oggi ho scoperto che in realtà si chiamava Carmine Pecorelli) interpretava la sua professione di giornalista in maniera che si potrebbe definire border line: pubblicava sulle sue agenzie ed i suoi settimanali notizie riservate, scottanti, quasi sempre finalizzate a far arrivare messaggi in codice a personaggi altolocati. E, con ogni probabilità, questa sua vocazione gli è costata la vita.

Vittori Feltri sembra invece pensarla in maniera diversa: lui le notizie di cui viene in possesso non le pubblica, ma se ne serve per minacciarne la pubbblicazione nel caso in cui i protagonisti delle vicende di cui solo liui è a conoscenza non si cimportino secondo i suoi desideri.

Per quanto squallida si possa ritenre l’interpretazione della professione di giornalista e l’uso della stessa che ne faceva Mino Pecorelli, almeno lui le notizie le pubblicava.

Sicuramente molto meglio della interpretazione e dell’uso che della stessa professione e delle notizie fa oggi Vittorio Feltri .

Segno della differenza di spessore dei personaggi e della cupezza dei nostri tempi.

Annunci

Informazioni su Giuseppe Ferrari

Nato a Modena, vive e lavora a Milano praticamente da sempre. Sposato con due figlie. Laureato in sociologia e sociologo mancato (questo blog è la mia rivincita tardiva ed incerta). Imprenditore nel settore della stampa dell'imballaggio flessibile.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Etica, Politica interna. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...