Debito pubblico, consumi e ripresa

La presentazione del nuovo bilancio da parte del presidente degli Stati Uniti merita una particolare attenzione.

Mi sembra abbastanza accettata l’idea di bloccare la spesa, per non aumentare il debito.

Ma ha ragione Reich a sostenere che senza domanda è inutile ridurre le tasse alle imprese che assumono, perché non assumeranno mai. Quando i privati tirano la cinghia, lo stato deve allargarla.

Ma fino a che punto?

Annunci

Informazioni su Giuseppe Ferrari

Nato a Modena, vive e lavora a Milano praticamente da sempre. Sposato con due figlie. Laureato in sociologia e sociologo mancato (questo blog è la mia rivincita tardiva ed incerta). Imprenditore nel settore della stampa dell'imballaggio flessibile.
Questa voce è stata pubblicata in Consumo, Economia internazionale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...