Pro memoria per i posteri

Tanto per non dimenicare a chi dobbiamo il maramsa in cui siamo caduti, rileggetevi con calma questa autocitazione da nFA.

Mi limito a sottolineare solo due aspetti:

  • ogni cento punti di differenza nello spread fra i nostri titoli di Stato e quelli tedeschi vale, a regime, 15 miliardi di maggiori costi di interesse;
  • quando Prodi ha lasciato il governo, lo spread era intorno ai 50 punti (oggi veleggia sopra i 300)

Non credo sia molto ardua la sentenza per i posteri

Annunci

Informazioni su Giuseppe Ferrari

Nato a Modena, vive e lavora a Milano praticamente da sempre. Sposato con due figlie. Laureato in sociologia e sociologo mancato (questo blog è la mia rivincita tardiva ed incerta). Imprenditore nel settore della stampa dell'imballaggio flessibile.
Questa voce è stata pubblicata in Economia interna e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Pro memoria per i posteri

  1. bortocalbortocal ha detto:

    perfettamente d’accordo! mi capita di differenziarmi da cerete tue analisi nei particolari, ma concordo nella linea di fondo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...