Segnali da non perdere

Ci sono delle notizie che sfuggono, ma che invece meritano di non essere dimenticate. Fubini pubblica, sul Corriere di oggi, un articolo all’apparenza normale sulla situazione economica e finanziaria, dove nota che il ricorso all’indebitamente a breve del sistema bancario italiano è, al momento, piuttosto alto rispetto alla norma.

Le ragioni? Presto dette.
Come risulta dai recenti stress test sul sistema bancario europeo, le banche italiano hanno investito in titoli di stato italiani praticamente il doppi del proprio capitale di prima fila. E’ in linea con quanto sosteneva, qualche giorno fa,  Johnson: le banche nazionali possono svolgere, e i dati dimostrano che hanno svolto, un grosso ruolo nel finanziamento del nostro debito pubblico. Ma è un ruolo rischioso: se il valore dei titoli di stato scende perché salgono i tassi, ed è quello che è successo in questi giorni, le banche non possono vendere i titoli perché dovrebbero contabilizzare una minusvalenza e sono costrette a finanziarsi per altre vie. Ed ecco il ricorso alla liquidità prestata dall Banca Centrale Europea. Con un ulteriore risvolto negativo: se le banche hanno poca liquidità non sono certo invogliate ad assecondare la  richiesta di credito del sistema economico, con riflessi negativi sulla crescita e sullo sviluppo.

Un ulteriore problema e non da poco, in un paese che non vuole mettersi in testa che l’unica via d’uscita dai suoi problemi è una ripresa vigorosa della crescita, accompagnata da una rigoroso gestione del debito, pubblico e privato.

Ma provate a trovere traccia di questi problemi nel dibattio quotidiano. C’è di tutto, ma non quello che è importante.

Annunci

Informazioni su Giuseppe Ferrari

Nato a Modena, vive e lavora a Milano praticamente da sempre. Sposato con due figlie. Laureato in sociologia e sociologo mancato (questo blog è la mia rivincita tardiva ed incerta). Imprenditore nel settore della stampa dell'imballaggio flessibile.
Questa voce è stata pubblicata in Economia interna. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...