Il problema e la soluzione

Il tema dell’articolo forse centra poco, anche se il confronto fra i vari tipi di smartphone, almeno per un profano come me, sembra dire molto sul valore dell’immagine.

Ma quello che mi ha colpito di un articolo di Quartz sul futuro dei cellulari “$30 smartphones are here—and they’re getting better every day” è stata questa osservazione: Where Samsung has traditionally taken 50%-60% margins, the new guys like Xiaomi will take 25% gross margin”.

Mi pare proprio il nocciolo del problema: la riduzione dei margini, frutto di una accelerazione della concorrenza, può e deve portare alla riduzione dei profitti eccessivi delle mega imprese, in tutti i settori.

Gli oltre 250 miliardi di dollari di cassa di Apple sono un macigno che pesa sulla società. Soldi congelati che non circolano. Servono solo a gestire inutili operazioni finanziarie ed a giustificare stipendi immotivati per i vertici aziendali.
All’occorrenza sono utilizzati per strapagare star-up che potrebbero diventare pericolosi concorrenti, creando pochi miliardari e penalizzando l’innovazione e la concorrenza.

Se ci fosse più conccorenza, i prodotti costerebbero meno, i consumatori avrebbero maggior potere di acquisto e, di conseguenza, l’intera economia beneficerebbe di una accresciuta domanda.

E’ così difficile da capire?
Forse no. Si capisce. Si capisce probabilmente bene ed in fretta. Ma non esiste sufficiente forza politica capace di affrontare il problema delle grandi imprese, in tutti i settori, e della necessità di aumentare la concorrenza, anche ricorrendo agli strumenti drastici utilizzati negli Usa all’inizio del ‘900 o con la AT&T.

Eppure il problema è tutto qui. Ed anche la soluzione

Informazioni su Giuseppe Ferrari

Nato a Modena, vive e lavora a Milano praticamente da sempre. Sposato con due figlie. Laureato in sociologia e sociologo mancato (questo blog è la mia rivincita tardiva ed incerta). Imprenditore nel settore della stampa dell'imballaggio flessibile.
Questa voce è stata pubblicata in Democrazia, Economia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...