Darwinomics – Sulpasso, U.

Va bene essere bislacchi, ma a volte si esagera.
RIcco di spunti e di impostazioni incredibili, che minano la credibilità dell’intero ragionamento. Il primo punto per dare concretezza alle ipotesi del libro è verifcare se veramente l’India sta cercando di calcolare il Prodotto Nazionale Sapere. Cita Rajiv Kumar, direttore delll’Icrier, definito il più importante think tank indiano
Il sito non sembra aggiornato da anni e in giro per Internet i riferimenti a Sulpasso non abbondano di certo. Perché? Il libro non è male, se ri riesce, appunto, a prescindere dalle troppe genialità dell’autore, che a volte si loda troppo. L’idea di fondo è corretta: bisogna riuscire a lasciarsi dietro il peso della produzione e passare ad altro. Ma forse l’altro è troppo innovativo o troppo confuso anche nella testa dell’autore e si perde in una serie di strane affermazioni e strane parole che alla fine lasciano il tempo che trovano
Ma al fondo ha ragione: bisogna investire sulla conoscenza, sull’istruzione e sull’innovazione. Solo da nuovi consumi che non consumino può ripartire la crescita, non più produttiva o non solo più produttiva..
A ripensarci ha proprio ragione. Del resto la lunga citazione da pag. 45 mi sembra centri perfettamente le basi dello sviluppo e la strada da perseguire “Per affrontare il tema spirale perversa, c’è da fare un passo indietro, e c’è da ricordare che il vero principio fondante del capitalismo occidentale non è costituito dalla riduzione dei costi di produzione, ma dall’incremento della domanda di mercato di massa. … Questa precisazione definizce in maniera univo l’ordine di priorità di strategia di politica economica da parte dello Stato se questo vuole essere utile al mercato lo Stato deve difendere e sviluppare la capacità di acquistodi massa, la domanda globale. … Il sostegno dello Stato alla domanda globale deve manifestaris con la fiscalità, con il supporto a sistemi di social security, ma soprattutto con l’accrescimento della domanda all’istruzione, la vera chiave di volta della ripresa occidentale”
Buona, anche se non compiutamente sviluppata, l’idea del tramonto dell’economia classica (p. 45). dove per economia classica intende non tanto una concezione teorica ma una concreta società che mette al centro di ogni analisi e di ogni comportamento il rapporto “capitale-lavoro”. Sulpasso parla di “processi di arricchimento e produzione” ed in effetti siamo abiutati a ragionare, e di conseguenza a comportarci, sulla base di quei due concetti: si produce perché si vuole arricchirsi. Ma la realtà è, ed è sempre stata, diversa. Ci si arricchisce perché c’è qualcuno che consuma ciò che noi produciamo. Se tolgo il primo fatture, tutto cade, Sulpasso se ne rende conto benissimo. E si rende conto benissimo del paradosso del trasferimento ad Est degli apparati produttivi per risparmiare sul costo del lavoro e della consegunete apertura, sempre ad Est, di immensi mercati di consumo che aggraveranno il declino dell’Occidente, sempre che si continui a ragionare in termini di produzione.
Non riesco, poi, a capire se tutta la tiritela sulla moneta sapere e sulla Darwinomics possa avere una applicazione concreta. E’ indubbio, però, che l’analisi del sapere come moneta che non si consuma, che non genera inflazione, che crea ricchezza è corretta. Indubbiamente il sapere è il più importante esempio di consumo che non consuma, ma che anzi si moltiplica. E’ praticabile? E come?

INDICE

PRELUDIO Albori del conflitto Est-Ovest
PARTE PRIMA. La crisi
Cronache della Galassia Centrale
La “febbre gialla” ed il crollo della Galassia Centrale
Medioevo moderno ed il trionfo di S.M. Ignoranza
PARTE SECONDA. La soluzione
Bomba o Sapere?
I Sette pilastri della Darwinomics
Pilastro 1. Dal petrolio al sapere
Pilastro 2. Educational Credit Card
Pilastro 3. Family educational bond
Pilastro 4 Centri digitalizzati del Sapere
Pilastro 5 Knowledge Valley
Pilastro 6 Know$, ovvero Dollaro Sapere
Pilastro 7 La Wall Street City of Konwledge

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...