Le passioni di un decennio. 1946-1956 – Spriano, Paolo

A metà fra la cronaca e la storia, con tanti spunti autobiografici apre squarci interessanti sulla realtà italiana del primissimo dopoguerra, vista con gli occhi di un comunista relativamente attento a come la realtà stava muovendosi al di fuori di quelli che erano i dettami e le aspettative ufficiali del partito.
Tanti protagonisti interessanti, anche se non vi è alcun approfondimento teorico e non si sofferma troppo sull’analisi, limitandosi alla cronaca.
Se una caratteristica di quegli anni può essere trasportata nei nostri,è certo quel titolo della seconda parte: un tempo di nemici. Ma almeno le linee di divisione allora passavano attraverso grandi temi e grandi passioni, non certo come oggi sulle meschinità del carattere e del comportamento di un singolo uomo. Quanti anni sono passati, quanto siamo cambiati e quanto siamo peggiorati. Ma la necessità di avere un nemico, per non fare i conti coi problemi reali, mi sembra immutata.

INDICE

Prima parte. Tre ritratti con lettere
1. Un Calvino rivoluzionario
2. Il suicidio di Pavese
3. L’inchiostro verde di Togliatti
Parte seconda. Un tempo di nemici
4. Una contrapposizione totale
5. L’Unità e i giornali borghesi
6. I rumori discreti dell’archivio
Parte terza.Ascesa e caduta dei miti
7. L’amore per il padre
8. Visita guidata in URSS
9. La stagione del disgelo
10. Quel 1956, dall’alto e dal basso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...