La qualità dell’istruzione in Italia

29 settembre 2009

Una delle cose più utili di Internet è la facilità di citazione, e cioé il rinvio al testo o ai testi che si commentano o da cui si ricavano le informazioni sulla cui base si vuole sviluppare un ragionamento. Per questo mi fanno arrabbiare gli articoli come questo che commenta uno studio dell’Ocse sulla qualità dll’istruzione: lo cita, ma non lo collega. E vai a capire perché, visto che è cosi facile che ci riesco anch’io e che l’autore, visto che lo commenta, dovrebbe aver trovato.
Lasciamo le polemiche: Massimo Giannini commenta lo studio annuale dell’OCSE Education at a Glance, che, anno per anno, cerca di valutare le tematiche relative all’istruzione ed alla formazione nei vari paesi. Questo è il rinvio, per chi abbia il tempo per approfondire. Il sunto, rapido, è che in Italia abbia, in proporzione, pochi lavoratori ben qualificati dalla scuola ma anche che, nello stesso tempo, anche la domanda di lavoratori qualificati è bassa.

24 settembre 2009

Piccola statistica di Eurostat sullo studio delle lingue straniere nei paesi CEE, tre paginette con due tabelle. La curiosità di vedere come siamo. Tutto sommato in linea sulla impressione di conoscere le lingue straniere: rispetto ad uma media europea di 28,1 adulti (dai 25 ai 64 anni) che ritengono di conoscere almeno due lingue straniere, l’Italia ha una media del 27,6%.
Sconfortante invece il responso riguardo agli studenti della scuola secondaria che nel 2007 studiavano due o più lingue straniere. In Europa le studiano il 60,1% degli studenti, in Italia solo il 24,6%.  Se si escludono Irlanda e Gran Bretagna che, fortunati loro, non hanno bisogno di imparare l’inglese, peggio di noi fa solo la Grecia, con il 6,9%.
Forse la Gelmini, invece di grembiuli e voti dovrebbe preoccuparsi di questi dati 

12 e  16 dicembre 2008

Da nFA   i dati dell’indagine TIMMS 2007 sulle conoscenze matematiche e scientifiche degli alunni al quarto e ottavo anno di istruzione formale. Per l’Italia vuole dire quarta elementare e terza media. Le conoscenze degli alunni italiani di quarta elementare erano modeste nel 2003 e rimangono modeste nel 2007, con qualche miglioramento nelle scienze. I risultati degli alunni di terza media, invece, sono disastrosi. Questa è la seconda parte.

21 luglio 2008

da la VoceInfo l’ennesima classifica che ci vede sempre più giù: il livello della istruzione matematica dei nostri ragazzi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...