La situazione economica negli Stati Uniti

16 dic 2012

Dati e grafici sulla situazione negli Stati Uniti nell’analisi annuale dell’Economic Policy Institute The State of Working AmericaQuello che mi ha colpito di più, scorrendo la sequela di grafici pubblicati su The Atlantic è la drammatica forbice che continua a dilatarsi fra l’aumento della produttività del lavoro e quella del reddito medio. Probabilmente la chiave del problema, soprattutto se da altri numeri che mi mancano si scoprisse che questo non è un fenomeno solo americano, è tutta qui: se gli aumenti di produttività non vengono ripartiti su di una ampia base non si crea un mercato abbastanza vasto per assorbire la crescita dei prodotti che inevitabilmente essi creano. Aveva forse ragione Marx? Il tema meriterebbe proprio una analisi molto più approfondita. Mi pare proprio possibile tornare a parlare di sfruttamento. Il che, per uno come me, è proprio il colmo.

10 mar 2012

Cosa sta succedendo in America? I segnali sembrano positivi. Secondo alcuni dati i nuovi occupati del mese di febbraio non sarebbero 1 227.000 del rapporto ufficilae, comunque un buon risultato, ma addirittura 879.000. Certo che mi piacerebbe sapere proprio come fanno a fare questi calcoli

4 feb 2012

I tre deficit dell’America” secondo Laura Tyson, che è stata a capo del Consiglio dei consulenti economici del presidente americano ed è docente alla Haas School of Business presso l’Università della California, Berkeley, sono il deficit di occupazione, il deficit di investimenti ed il deficit fiscale. E concorrono a tenere al livello storicamente più basso, il 44%, i redditi da lavoro dipendenti, che sono il motore della consumo che tira la crescita. Bisogna aumentare la produttività. investendo in ricerca.

27 gen 2012

2,8% di crescita nel 4′ trimestre 2011. E gli americani la chiamano una ripresa debole. Noi faremmo le capriole. Distanza di anni luce.

1 nov 2011

E’ una coincidenza, ma interessante. Vengo qui, pare, una volta all’anno, per riportare la sintesi “Economic Snapshot for October 2011” che il CAP pubblica, mensilmente, sulla situazione economica negli stati Uniti. E la musica è sempre la stessa: l’economia cresce, di parecchio secondo i nostri standard (2,5%), ma va a vantaggio solo delle imprese e dei ricchi. Non migliorano nè l’occupazione nè, di conseguenza, il reddito medio del paese. Con la logiche coseguenze sui consumi ce ristagnano ed impediscono una crescita più marcata. Indubbiamente sarebbe da testare una efficace redistribuzione del reddito per valutarne gli effetti.

29 ott 2010

A quasi un anno di distanza, la situazione non sembra cambiata “Economic Snapshot for October 2010“: L’impressione, vedi i punti 6,7,8, è che la diseguaglianza cresca e che i forti diventino sempre più forti.

15 dic 2009

Economic Snapshot for December 2009“: L’economia Usa riprende, ma senza occupazione e lasciando indietro i più deboli

24 ott 2009

Le grandi istituzioni finanziarie americane sono tornate a guadagnare somme enormi ed ad elargire consistenti bonus. Questa è una traccia delle polemiche che ne conseguono negli Stati Uniti.

ECONOMY

Reining In Wall Street’s Greed

In “a sharp departure from the hands-off approach that has dominated regulations for decades,” the Obama administration announced new restrictions on executive compensation for financial firms this week. On Wednesday, Special Master on Compensation Kenneth Feinberg said he will order seven companies that received government bailout funds to cut cash salaries by about 90 percent compared with last year. Separately, the Federal Reserve announced its own plan yesterday to review compensation in the banking industry as a whole, with a particular focus on the 28 largest and most complex companies. The announce ments could not have come at a better time. Despite the deep financial crisis and the reliance on taxpayer dollars, compensation at financial firms is on pace to be higher than ever. The Wall Street Journal reports that Wall Street firms are “on pace to pay their employees about $140 billion this year,” a record amount. Financial firms and their supporters say they need the hefty payment packages to attract the best people, but as Sen. Sherrod Brown (D-OH) noted, if they have “produced so much money for themselves and they’re such geniuses, where have they led this country?” Conservatives lawmakers and th e U.S. Chamber of Commerce have come to Wall Street’s defense, decrying the government’s intervention. “I have a visceral reaction against so much government involvement in free enterprise,” said Sen. Lamar Alexander (R- TN). Wall Street’s compensation methods encouraged people to take on excessive risks that put their companies — and thus the entire economy — in jeopardy. Moreover, as President Obama said yesterday, “it does offend our values when executives of big financial firms, firms th at are struggling, pay themselves huge bonuses even as they continue to rely on taxpayer assistance to stay afloat.” But while the moves were welcome announcements, Congress needs “to continue moving forward on financial reform that will help prevent the crisis we saw last fall from happening again.”

COMPENSATION FAILURE: In addition to addressing the populist outrage over taxpayer-funded bonuses and benefits, curbing executive compensation is essential to the health of our economy. Wall Street compensation levels played a direct role in causing the financial crisis. As Fed Chairman Ben Bernanke explained yesterday, “Compensation practices at some banking organizations have led to misaligned incentives and excessive risk-taking, contributing to bank losses and financial instability.” Compensation practices like guaranteed bonuses, which lock-in multi-million dollar bonuses regardless of how the company performs, encourage executives to take huge risks while removing any accountability in case their gambles fail. As Nobel Prize-winning economist Joseph Stiglitz wrote,”They did what their incentive structures were des igned to do: focusing on short-term profits and encouraging excessive risk-taking.” Wall Street said it would change, but just a year after the depth of the financial crisis, some firms are returning to their old habits. Some banks — even those ostensibly owned by the federal government — have again begun offering guaranteed bonuses, while salaries and fringe benefits, like private jet rides, are on the rise. The giant miscalculations that led to the financial crisis prove that, despite what some conservatives say, Wall Street cannot be counted on to regulate itself. Executive compensation needs to be reigned in and restructured so executives are held accountable for taking risk, especially for those companies which are alive today only because of government help.

BUZZ CUT: The cuts announced by Feinberg will affect the 25 most highly paid executives at Citigroup, Bank of America, AIG, General Motors, Chrysler, and the financing arms of the two automakers. All seven firms received billions of dollars from the Troubled Asset Relief Program (TARP), giving Treasury the authority to regulate them. The department will also “curtail many corporate perks, including the use of corporate jets for personal travel, chauffeured drivers and country club fee reimbursement.” The companies were required to submit compensation requests to Feinberg, and he said he found them “almost without exception to have been not in the public interest. They were both too high and the wrong mix of stock and cash.” Feinberg’s plan will “change the form of the pay to align the personal interests of the executives with the longer-term financial health of the companies. For instance, the cash portion of the executives’ salaries will be slashed on average by 90 percent, and the rest will be replaced by stock that cannot be sold for years.” The Fed, meanwhile, will create a two-tier system of supervising pay, in an effort to better tie rewards to long term performance. The 28 largest and most complex firms, such as JPMorgan Cha se, Goldman Sachs, and Morgan Stanley, will have to present their compensation plans to the Fed, which will then evaluate them to ensure they “properly balance goals of short-term growth and long-term stability.” For the other hundreds of banks in the country, the Fed will conduct “regular, risk-focused” reviews of compensation structures in an effort to prevent banks from encouraging excessive risk-taking beyond the organization’s ability to effectively identify and manage risk.”

REAL REFORM:The announcements are a welcome step to prevent another financial crisis, but as The New York Times noted, the Fed’s principles “are less strict than plans suggested by some European leaders and some members of Congress.” The plans are also devoid of specifics, and have no teeth behind them. So long as the banks make an attempt to conform with the principles above, it seems like the Fed will be willing to give them a pass, which is why Obama is pushing for major financial reform that goes beyond compensation. Sen. Chuck Schumer (D-NY) wrote a letter to Feinberg endorsing the Treasury’s action yesterday, but he underscored th at he also wants Feinberg to force the seven TARP companies to “significantly revamp their corporate governance across the board.” Schumer has been pushing for the adoption of a Shareholder Bill of Rights, which would give shareholders more say over how executives manage corporations, allowing them to better regulate compensation and excessive risk-taking. Other proposals like “say on pay,” which allows shareholders to voice opposition to compensation structures, have worked well abroad. As Treasury Secretary Tim Geithner points out, “[say on pay] has already become the norm for several of our major trading partners.” In two of those countries — Great Britain and Australia — CEO pay “grew 2.4 percent and 25.3 percent, respectively, from 2002 through 2006, while pay in the United States soared 59.9 percent in the same period.”

04 mag 2009

Sul tema del “too big too fail” e delle lotte di potere innescate negli Stati Uniti dalla crisi finanziaria, questa audizione del Nobel Joseph Stiglitz il 21 aprile scorso davanti al Joint Economic Committee del Congresso Usa

23 apr 2009

Chissà se riuscirò a ricordarmi di questo articolo, “Il futuro del dollaro“, fra un anno o due, quando l’economia americana si sarà ripresa ed il dollaro sarà ancora moneta di riferimento, tanto per poter valutare una volta concretamente la distanza fra le previsioni e le realizzazioni. Secondo me è il tipico articolo idelologico, settario e fazioso, frutto non di analisi, ma di applicazioni apodittiche di principi vissuti come fede e non come strumenti empirici per analizzare la realtà. Molto sintomatico l’uso della F maiuscola per il capoverso “La Fede del mercato”. E per fortuna che per me liberale è sinonimo di scetticismo ed empiria.

07 mar 2009

Molto interessante, anche se non del tutto chiara per un profano come me, questa serie di grafici presi dal sito della FED di Saint Louis sull’andamento della crisi americana. Forse sarebbe da mettere nella barra personale, come ho fatto per le previsioni sulle elezioni Usa, perchè sono aggiornati periodicamente.

25 dic 2008

Buio o luce? La situazione è incerta e gli sbalzi di umore continui. Ne sono una prova questi due post in rapida sucessione, uno sulla situazione dellevenditedegliimmobilied uno sui consumi a novembre, riguardo alla situazione economica negli Stati Uniti. Dal buio delle vendite immobiliari che continuano a scendere alla luce, od ai barlumi di luce, dei consumi che sembrano ripartire, spinti dai bassi prezzi.

Qualche altra buona notizia, con un bel grafico con l’andamento dei costi dei generi alimentari, la trovate qui.

11 dic 2008

Il sistema sanitario USA e le ipotesi di riforma. Per memoria questo memo del CAP, che fa venir voglia di studiare meglio, ma il tempo è quello che è. Tre le ragioni economiche che rendono indispensabile la riforma del sistema:

    1. Gli alti costi rappresentanto uno svantaggio competitivo per gli imprenditori e si traducono i salari più bassi e minori posti di lavoro
    2. La crescita dei costi rischiano di portare ad una insostenibile esplosione del debito pubblico
    3. Così come è, il sistema è un rischio sia per la salute che per la sicurazza finanziaria delle famiglie americane.

10 dic 2008

Lo scorso maggio, l’EPI, ha pubblicato un rapporto che analizzava le caratteristiche della crescita economica neli Usa nel periodo 2001-2007 trovando che essa si collocava verso ilfondo di una scala che comprendeva una serie di informazioni, in particolare di quelle più rilevanti per le famiglie, in particolare la creazione di posti di lavoro e la crescita di aiuti compensaviti (“compensation growth”). Alla luce della ufficiale dichiarazione della scorsa settimana da parte del National Bureau of Economic Research, EPI ha pubblicato una nuova versione aggiornate dal rapporto del maggio, di cui questo è il testo completo in pdf.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...