Sant’Alessandro in Zebedia

E’ possibile passare sessant’anni a Milano e non mettere mai il naso dentro questa chiesa. Ed è un vero peccato.

In piazza Sant’Alessandro sarò passato decine di volte, in macchina e a piedi, e sempre di fretta. Ma il tempo, o l’occasione, per dare uno occhiata meno che distratta alla chiesa che vi si affaccia, non lo avevo mai trovato.

Ci voleva la solita domenica piovosa di dicembre per offrrimi l’occasione, la solita musica da organo che allieta le mie domeniche decembrine, per entrare in Sant’Alessandro in Zebedia. E ne vale proprio la pena. In perfetto stile barocco, imponente ma contenuta, decorata ovunque, e scopri che vi ha lavorato Procaccini, e così colleghi una via, brutta ma a me molto vicina, ad una persona.

Chissà, forse se andrò in pensione, potrò girarle tutte con calma, le chiese di Milano. E poi dicono che Milano non ha attrazioni turistiche. Basta saperle cercare

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...