Baviera

Il piatto forte dei festeggiamenti ed una occasione (se ne ripresenterà un’altra?) per riunire la famiglia in un momento non facille.  Speriamo che i prati verdi ed i fiori gialli della baviera siano riusciti a trasmettere la loro serenità a Laura, silenziosa ed assente, dice lei ma tanto presente a tutti noi.
Quattro giorni e tre notti e ci sarebbe tanto da dire. Cominciamo con le date ed i luoghi.

28 aprile . Walchsee (Non fatevi spaventare dal sito in tedesco, ma è quello originale fra i tanti e poi cercata tranquilli: il posto vale una visita, credo in tutte le stagioni). L’albergo, Hotel Schick, non si può definire favoloso come qualcuno dice su Booking, ma sicuramente ha avuto, almeno per noi, un ottimo rapporto prezzo/prodotto e credo che Cristina non dimenticherà facilmente la colazione.

29 aprile. Alpi bavaresi e primo incontro col barocco tedesco e Ludwig.
Il nostro percorso da Walchsee a Fussen non è certamente uno di quelli consigliati a chi ha fretta, ma ha il grosso pregio di portarci a zonzo, senza fretta, fra i laghi, i boschi le valli e le montagne della Baviera. Troppi i posti attraversati per poterli ricordare tutti. Metto almeno i laghi e le soste.
Il monoastero di Ettal
Il castello di Linderhof

30 aprile. I castelli, la casa regnante bavarese e i consumi che non comsumano. E poi il piccolo albergo appena aperto, che odora ancora di calce, a Dissen, col sito che non trovo.
Hohenschwangau
Neuschwanstein

1 maggio. I tanti volti dei tedeschi (e di tutti gli uomini)
Dachau

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...